AISAAC Digital AssistantAISAAC Digital AssistantAISAAC Digital Assistant
(Lun - Ven)
info@officinatecnologica.com
47923 - Rimini (RN)
AISAAC Digital AssistantAISAAC Digital AssistantAISAAC Digital Assistant

Quanto costa un chatbot

QUANTO COSTA UN CHATBOT

“Quanto costa un chatbot” è una domanda che spesso ci si pone insieme ai dubbi sull’effettivo risparmio per un’azienda e di conseguenza, se l’investimento vale il risultato finale.

Anzitutto, il costo di un chatbot è relativo al risultato che bisogna ottenere e di conseguenza alla complessità tecnologica che comporta il progetto.

Una volta identificato l’obiettivo e la tecnologia che serve implementare, si può stimare un range di prezzo che parte dai 350 euro al mese ad un massimo di 2500 euro circa per progetti che richiedono importanti personalizzazioni (integrazioni a CRM, utilizzo di sintetizzatori vocali, rappresentazioni dinamiche 3D di figure umane, e via dicendo).

Ad un occhio inesperto potrebbe sembrare un investimento importante per quello che alla fine è un “risponditore automatico in chat”, ma è proprio nella definizione che si commette l’errore di valutazione:

Un chatbot non è un risponditore automatico in chat, ma un software capace di interpretare il linguaggio naturale e soprattutto, un software che raccoglie dati direttamente dalle conversazioni che avvengono con i clienti in chat.

I dati raccolti sono ciò che motivano l’investimento.

Per capire quanto costa un chatbot, ipotizziamo di mettere a confronto un chatbot e un operatore umano dedicato a rispondere ai clienti in chat affidando ad entrambi il compito di valutare l’esperienza di 100 clienti sull’utilizzo di un nostro prodotto:

l’operatore umano si troverebbe a dover anzitutto gestire più chat contemporaneamente per rispettare i tempi d’attesa dei clienti, perdendo il focus sul compito che gli è stato assegnato.

Per poter comunque portare a termine l’obiettivo, l’operatore umano prende nota (nei limiti umanamente possibili) dei punti chiave delle conversazioni e stima a grandi linee quella che è la percezione dei clienti e relativi problemi riscontrati (e comunque non basterebbe perché i dati raccolti andrebbero inseriti a gestionale su fogli di calcolo per avere un dato il più possibile preciso).

A differenza dell’operatore umano, il chatbot è una macchina ed ha la capacità di rispondere contemporaneamente a tutti e 100 i clienti, trascrivendo parola per parola tutte le conversazioni avvenute con tempi d’esecuzione pressoché immediati (così come i clienti ricevono risposte immediate ad ogni quesito).

Trattandosi di un software integrabile ai sistemi gestionali, il chatbot è in grado di raccogliere i dati e contemporaneamente, comunicarli in autonomia al sistema gestionale.

A questo punto, se con l’operatore umano dobbiamo aspettare l’inserimento dei dati nel gestionale (magari eseguito da un’ulteriore risorsa umana), con il chatbot abbiamo già fatto elaborare al gestionale tutte le statische necessarie ed abbiamo i risultati utili a capire se i nostri prodotti sono apprezzati o quali sono i principali motivi di richiesta d’assistenza.

Tempo d’esecuzione e risparmio delle risorse

Risulta scontato dire che se un operatore umano necessita di riposo, ferie o permessi, il chatbot può lavorare ininterrottamente 7 giorni su 7, 24 ore su 24 allo stesso costo fisso, in quanto stiamo parlando di una macchina…

L’investimento ha dunque un grande riscontro positivo, in quanto ci permette di sfruttare tutti i vantaggi tipici di una macchina per creare delle automazioni che permettono di risparmiare anche a 10 volte il costo dell’investimento, come successo nel caso di questa azienda inglese che utilizza i nostri servizi (Foto screenshot Working in Business).

In questo case study, l’azienda ha avuto la possibilità di ricollocare la risorsa dedicata all’assistenza per aumentare le vendite, e grazie ad Aisaac Enterprise, la funzione Overtime (in foto) mostra quanto sarebbe costato avere un operatore umano che fosse attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 (e quindi parliamo di costo risparmiato) ed il valore economico di tutti i leads che il chatbot ha generato nel mentre si abbatteva il costo dell’operatore umano.

Riassumendo, assumere un chatbot nella propria azienda comporta un investimento che porta ad un risparmio di risorse notevole e fornisce gli strumenti per raggiungere gli obiettivi aziendali più velocemente e al minor costo possibile.

 

Fissa una call conoscitiva con Officina Tecnologica e scopri cosa può fare Aisaac Enterprise per te e scopri in che modo permette alle aziende di risparmiare risorse e velocizzare il raggiungimento degli obiettivi di assistenza, marketing, commerciali e amministrativi.

 

 

Leave A Comment